BONUS BEBE’







MODULO DOMANDA BONUS BEBE 2016



Circolare_INPS_numero_201_del_16-12-2015



Bonus bebè 2015: l’Inps pubblica il bando nazionale. Ecco tutte le informazioni per fare domanda
L’Inps ha pubblicato il bando nazionale per il bonus bebè, 80 euro al mese per i primi tre anni di vita del figlio. Con una circolare attuativa l’istituto di previdenza fornisce tutte le informazioni su requisiti, limiti di reddito, importo e modalità per l’inoltro della domanda.

La Legge di Stabilità per il 2015 ha introdotto alcuni interventi a favore del reddito familiare come il cosiddetto Bonus bebè. L’Inps dopo la pubblicazione del bando per i figli dei dipendenti di Poste Italiane, ha pubblicato il bando nazionale per il bonus bebè 2015. Con la Circolare numero 93 dell’8 maggio scorso, l’Inps ha indicato requisiti, limiti di reddito e modalità per la presentazione della domanda per l’assegno del 2015.

A CHI E’ RIVOLTO IL BONUS BEBE’

Il bando nazionale per il bonus bebè 2015 è pensato per i figli di cittadini italiani, comunitari o extracomunitari, residenti in Italia nati oppure entrati nel nucleo familiare tramite adozione tra il primo gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017 fino al terzo anno di vita del bambino, oppure fino al terzo anno dall’ingresso in famiglia del figlio adottato. In questo caso fa fede la data della sentenza di adozione del figlio. Nel caso di genitori separati, può fare domanda per il bonus bebè il genitore presso cui vive il figlio oggetto della richiesta.

REQUISITI DI REDDITO

Dal punto di vista economico, l’Inps precisa che per avere diritto al bonus bebè il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente deve corrispondere ad un valore dell’ISEE non superiore ai 25.000 euro annui. Per i nuclei familiari in possesso di un ISEE non superiore a 7.000 euro annui, l’importo annuale dell’assegno è raddoppiato.

Secondo quanto indicato nella Circolare Inps per ottenere il bonus bebè è necessario che la famiglia presenti una Dichiarazione Sostitutiva Unica in cui sia presente il figlio nato, adottato, o in affido preadottivo. In base alla vigente normativa dell’ISEE - precisa l’Inps - "il termine di validità di ogni D.S.U. scade il 15 gennaio dell’anno successivo a quello della sua presentazione. Pertanto, decorso tale termine, non si può utilizzare la D.S.U. scaduta ma occorre presentarne un’altra. Ne consegue che, in caso di mancata presentazione di una nuova D.S.U., il beneficio viene sospeso fino alla presentazione della nuova D.S.U."

IMPORTO DEL BONUS BEBE’ 2015

Le famiglie che presentino i requisiti sopra esposti possono aderire al bando nazionale per il bonus bebè e ricevere 960 euro annui da corrispondere fino al terzo anno di età o adozione del bambino. Nel caso in cui il reddito sia inferiore di 7.000 euro annui la famiglia del bebè riceverà 1.920 euro annui, ovvero 160 euro al mese per tre anni. L’assegno è erogato per massimo 36 mensilità che si computano a partire dal mese di nascita oppure ingresso in famiglia.

L’Inps corrisponde il beneficio per singole rate mensili, pari ad 80 euro o 160 euro a seconda del valore dell’ISEE, secondo le modalità indicate dal richiedente nella domanda. Se la domanda è stata presentata nei termini di legge il primo pagamento comprende l’importo delle mensilità maturate fino a quel momento.

ISTRUZIONI PER LA DOMANDA

La domanda per la presentazione del bonus bebè può essere presentata da uno dei genitori entro 90 giorni della data di nascita del figlio oppure dalla sentenza di adozione. In caso di inoltro tardivo della domanda l’assegno per il bonus bebè spetta a partire dalla data in cui è stata inoltrata la domanda. Considerato che il beneficio è entrato in vigore dal primo gennaio 2015, per le nascite e le adozioni avvenute tra il primo gennaio 2015 e la data del 27 aprile 2015 giorno di entrata in vigore del Decreto Ministeriale, il termine di 90 giorni per la presentazione della domanda decorre da tale data.

L’Inps mette a disposizione tre diverse modalità per la presentazione della domanda per il bonus bebè:
- WEB - Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
- Contact Center Integrato - numero verde 803.164 o numero 06 164.164;
- Patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Il servizio d’invio delle domande per il bonus bebè è disponibile attraverso il seguente percorso: -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Assegno di natalità – Bonus bebè.