Pensionati



SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DEGLI ISCRITTI



MODALITA DI ACQUISIZIONE DELEGA E PRESENTAZIONE ALL’INPS

 
Dal 2015 le deleghe di riscossione della quota associativa dovrà essere presentata esclusivamente per vie telematiche.

La sede nazionale su apposita richiesta del territorio provvederà ad accreditare le sedi zonali all’invio delle deleghe fornendo un proprio PIN per l’accesso al portale INPS.

La struttura sul territorio che acquisisce la delega alla riscossione dovrà custodire, in formato cartaceo o equivalente, secondo la normativa vigente in materia di conservazione sostitutiva e fino a concorrenza dei termini ordinari di prescrizione, l’originale della delega sottoscritta dal titolare del trattamento pensionistico e copia del documento di riconoscimento, al fine di consentire le eventuali verifiche da parte dell’INPS. Questa conservazione dovrà assicurare l’identificazione certa del soggetto che ha creato il documento, la sua integrità ed immodificabilità, la leggibilità, la certezza della data ed il rispetto delle norme di sicurezza.

La delega alla riscossione della quota associativa, presentata contestualmente alla domanda di pensione, produce i suoi effetti dalla data di decorrenza della pensione stessa. L’invio dei dati della delega all’INPS avviene in questo caso nella stessa modalità d’invio della domanda di prestazione.

Nel caso di delega alla riscossione della quota associativa su pensione già in essere, l’invio dei dati della delega all’INPS da parte dell’Organizzazione sindacale dovrà avvenire con modalità telematica, secondo le specifiche tecniche fornite dall’istituto. L’Organizzazione dovrà, altresì, trasmettere in formato digitale la delega acquisita, avendo sempre cura di conservare, con le modalità sopra descritte, l’originale firmato e copia del documento d’identità.

La delega, rilasciata da persona già titolare di pensione, produrrà i suoi effetti a partire dalla prima rata di pensione non estratta alla data di ricezione della stessa ovvero, per i trattamenti pensionistici amministrati dalla gestione Dipendenti Pubblici, dal primo giorno utile ai fini della lavorazione informatizzata della rata corrente.

L’organizzazione, per conto e nell’interesse di ciascun pensionato, su formale richiesta dello stesso, dichiara espressamente che la delega ricevuta è da intendersi tacitamente rinnovata, di anno in anno, ferma la facoltà di revoca da parte di ciascun pensionato.

E’ ammessa un’unica delega su singola prestazione.